Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.

Il numero 9590 di The Lancet (14/9/2007) dedica diversi articoli alla salute mentale, affrontando il problema - com’è costume della rivista - da una prospettiva globale e sottolineandone gli aspetti sociali. Vorrei segnalare in particolare il lavoro di S. Moussavi e coll. (1), i quali, a partire dai dati del World Health Survey dell’OMS,  si sono proposti di confrontare il danno allo stato di salute provocato dalla depressione psichica con quello dovuto a quattro comuni malattie croniche: angina, artrite, asma e diabete. 

Ai partecipanti allo studio (quasi 250000 adulti residenti in  60 Paesi di tutti i continenti) era stato chiesto di autovalutare il proprio stato di salute, rispondendo ad un questionario riguardante la presenza di disabilità in diversi ambiti della vita quotidiana. Gli autori hanno trovato che la depressione provoca un’alterazione dello stato di salute maggiore rispetto alle quattro condizioni fisiche considerate; il danno aumenta notevolmente se essa si associa con una o più delle altre affezioni. In un commento (2), G. Andrews e N. Titov fanno rilevare che il risultato è in linea con osservazioni precedenti eseguite con metodiche diverse e che la depressione è oggi trattata solo in una piccola frazione di casi, sebbene si disponga di terapie efficaci.

Questa manifestazione di inerzia clinica può forse essere spiegata col fatto che noi medici siamo abituati a separare troppo nettamente il “fisico” dal “mentale”, senza considerare abbastanza l’unitarietà delle persone che abbiamo di fronte. Con una tale impostazione possiamo danneggiare seriamente i nostri pazienti, non solo perché li lasciamo esposti agli effetti di patologie serie, ma anche perché diverse affezioni, come ad esempio le malattie cardiovascolari, sono aggravate dalla presenza della depressione.

Segnalerei inoltre, sullo stesso numero del Lancet, il commento di N. Sartorius (3) sull’emarginazione a cui sono spesso sottoposti i pazienti con disturbi mentali.

 

Teodoro Marotta, Napoli
Azienda Sanitaria Locale “Napoli 1”, Napoli
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

(1)         Moussavi S et al. Depression, chronic diseases, and decrements in health: results from the World Health Surveys. Lancet 2007; 370: 851-858.  www.thelancet.com/journals/lancet/article/PIIS0140673607614159/abstract

(2)         Andrews G, Titov N. Depression is very disabling. Lancet 2007; 370: 808-809.

(3)         Sartorius N. Stigma and mental health. Lancet 2007; 370: 810-811.

Health Dialogue Culture

Vuole contribuire all'elaborazione di una antropologia medica che si ispira ai principi contenuti nella spiritualità dell'unità, che anima il Movimento dei Focolari e alle esperienze realizzate in vari Paesi in questo campo.


 

Eventi 2020

Documenti più scaricati

United World Project

AMU

Genfest Manila 2018

Genfest Manila 2018

Cerca