Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.

THE FRAX ALGORITHM FOR ESTIMATING THE RISK OF FEMORAL FRACTURE: ENOUGH FOR CLINICAL PRACTICE?
Il FRAX (Fracture Risk Assessment Tool) è un algoritmo ideato per stimare il rischio di frattura. Tiene conto di: età, antropometria, anamnesi e familiarità di pregressa frattura, fumo, alcool, uso di glucocorticoidi, artrite reumatoide, osteoporosi secondarie, eventuale valore di Densità Minerale Ossea (Bone Mineral Density, BMD).

 

Nella UORRF ASL 4 Prato abbiamo calcolato il rischio di frattura a 10 anni mediante FRAX in pazienti in degenza per frattura di femore ed in pazienti in visita fisiatrica ambulatoriale per patologie disabilitanti: Malattia di Parkinson, Decadimento cognitivo, Emiplegia da malattia cerebrovascolare.
Alla valutazione clinica abbiamo misurato forza degli arti inferiori, equilibrio e capacità deambulatoria con Short Physical Performance Battery (SPPB), un test motorio-funzionale che correla con disabilità e mortalità.
Abbiamo osservato che, a parità di valore FRAX, i pazienti con deficit di forza degli arti inferiori e/o disturbi dell’equilibrio e/o della deambulazione avevano una maggiore probabilità di caduta. Atteso che il più potente singolo fattore predittivo di frattura di femore è la caduta, dato suffragato oltre che dall’osservazione clinica e dalla raccolta anamnestica, anche da imponenti dati di letteratura, è ipotizzabile che la valutazione del rischio di frattura con algoritmo FRAX sia sottostimata nei pazienti che alla valutazione clinica risultino ad alto rischio di caduta.
Pertanto, considerato che FRAX prende in considerazione solo gli aspetti osteo-metabolici del rischio di frattura, riteniamo che occorre esaminare altre condizioni predittive come, appunto, la caduta, che possono emergere soltanto da un’accurata valutazione del paziente e che occorre attuare interventi mirati sul singolo soggetto per ridurre il rischio di frattura.

• Kanis JA et al. FRAX and the assessment of fracture probability in men and women from the UK. Osteoporos Int. 2008 Apr;19(4):385-97

Pierpaolo D’Ippolito, Vincenzo Santoro, Bruna Lombardi
Unità Operativa Recupero e Rieducazione Funzionale - ASL 4, Prato.
Tipo di comunicazione: Poster
Lingua: italiano

Documenti più scaricati

United World Project

Genfest Manila 2018

Genfest Manila 2018

Cerca

Health Dialogue Culture

Vuole contribuire all'elaborazione di una antropologia medica che si ispira ai principi contenuti nella spiritualità dell'unità, che anima il Movimento dei Focolari e alle esperienze realizzate in vari Paesi in questo campo.