Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.

La relazione clinica potrebbe rinnovarsi, il consenso informato sarebbe più responsabile e condiviso; l’interdisciplinarietà potrebbe divenire ancora di più un obbiettivo utile e costruttivo a giovamento di tutti, sia dei pazienti che dei medici.

La reciprocità, inoltre, potrebbe diventare il momento ideale per discutere e promuovere i fini della medicina, tanto più necessari nella nostra epoca dove una rivoluzione biotecnologica così vorticosa, senza precedenti e senza precisi riferimenti etici, mette in gioco i valori e gli scopi della vita stessa.

La reciprocità offre, poi, nella pratica clinica un aiuto per un agire concreto e responsabile, aperto ad una comprensione più profonda dei limiti della medicina.

La dinamica dell’interscambio di idee aumenta, tra l’altro, il sapere di ognuno e aiuta ad essere attenti agli interessi di tutti, confrontandosi sia nei casi clinici che nella ricerca scientifica con tutte le sue problematiche nel campo della bioetica e delle bioteconologie.

Ancora un tale approccio di reciprocità ha un grande valore nel rapporto medico-paziente, dove gli aspetti relazionali hanno un’importanza rilevante.

L’atto medico, infatti, in questa maniera non sarebbe solo azione, ma prima di tutto comunicazione, rapporto che si fa reciproco.  Tra il medico e il paziente, che si sente così valorizzato, riconosciuto e trattato come persona, vista nella sua integrità e totalità e a cui si deve rispetto, si stabilirà, infatti, non un rapporto attivo – passivo, ma un rapporto di partecipazione, di reciprocità, con tutti i vantaggi che esso comporta.

Ecco solo alcuni flash che ci fanno intravedere quale vantaggio potrebbe venire al mondo della medicina e all’umanità tutta se il paradigma del relazionarsi fosse sempre la reciprocità.

E’ un’utopia?  Non so. Difficile, sì, ma non impossibile.

Health Dialogue Culture

Vuole contribuire all'elaborazione di una antropologia medica che si ispira ai principi contenuti nella spiritualità dell'unità, che anima il Movimento dei Focolari e alle esperienze realizzate in vari Paesi in questo campo.


 

Eventi 2020

Documenti più scaricati

United World Project

AMU

Genfest Manila 2018

Genfest Manila 2018

Cerca