Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.

Virginia Di Carlo, tetraparesi spastica dalla nascita, ha 25 anni ed è una degli “eroi” del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che l’ha nominata Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana «per aver testimoniato in prima persona come lo sport e la passione possano aiutare a superare i limiti derivanti dalla disabilità»

 

C’erano Martina e Michele che ballavano la salsa, mentre a lei toccava stare lì, a guardare, seduta accanto alla mamma. La posizione non era sostenibile a lungo, considerando che quella musica sembrava volerla staccare dalla sedia e trascinarla via con sé. Virginia non pensò, semplicemente si abbandonò, cominciando a muoversi come sentiva lei: le braccia, le gambe, senza impostazioni, sul ritmo di quei quattro quarti. Daria, l’insegnante, a quel punto la notò, la raggiunse, la prese per mano e la portò a ballare, vicino ai suoi fratelli.

Fu così che, a 11 anni, Virginia, affetta da tetraparesi spastica dalla nascita, imparò a camminare: danzando. Visti i passi fatti, è proprio il caso di dirlo, la maestra Daria si propose di seguire questo nuovo talento una volta a settimana. Virginia scoprì che danzare i balli caraibici la rendeva felice. Anzi, di più. Provava ogni volta qualcosa di diverso, difficile da descrivere, se non banalmente. Come si fa a spiegare di cosa è fatta la pienezza, quella gioia immensa che mentre danzi porta via ogni pensiero, svuota la mente e ti libera il corpo… Che ti libera? Uno “stato” che Melissa Hayden, prima ballerina del New York City Ballet provò ad esprimere così: «Imparare a camminare ti rende libero. Imparare a danzare ti dà la libertà più grande di tutte: esprimere con tutto il tuo essere la persona che sei».

Così, dandosi piccoli obiettivi progressivi, Virginia cominciò a trovare la sua strada: prima i passi base, poi i balli di coppia con sua sorella Martina, una piccola coreografia da sola, infine il balletto, tutto per lei. Certo, lungo il cammino non mancarono gli ostacoli: ad un certo punto, la maestra Daria non poté più seguirla, e la “danza” di Virginia si fermò, per due anni. Ma come si dice, ogni ostacolo può divenire una pedana di lancio, e così, con Martina scovarono un’altra scuola, la Enjoy Latin Dance Studio e un’altra insegnante, Stefania, con la quale collaborano ancora oggi.

Nel 2011, a 19 anni, Virginia ha iniziato a partecipare alle gare Fids (Federazione Italiana Danza Sportiva) nelle discipline paralimpiche, vincendo sempre, tranne una volta, ci tiene a precisare, in cui si è classificata al secondo posto.Poi, un giorno, Virginia si è presentata davanti a Stefania e le ha chiesto: «Io vorrei fare l’insegnante di danza come te. Ho sempre sognato di insegnare alle persone con problemi motori come i miei. Cosa mi consiglieresti di fare?». Stefania le propone di seguire un corso di musicoterapia oppure di iscriversi a Scienze Motorie e Sportive, che certamente le darà più competenze. Virginia sceglie l’università e si laurea ad aprile di quest’anno.

Oggi, con la sorella ed altri amici hanno dato vita a Special Angels, un’associazione artistica culturale sportiva dilettantistica che si occupa di avvicinare alla danza le persone con disabilità. Collaborando con la Enjoy, offrono corsi di balli caraibici individuali o di gruppo a ragazzi e bambini con disabilità fisiche o psichiche, in un’ottica di inclusione.

Per questo, e «Per aver testimoniato in prima persona come lo sport e la passione possano aiutare a superare i limiti derivanti dalla disabilità», Virginia Di Carlo di Grugliasco, in provincia di Torino, è stata nominata Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana dal Presidente Sergio Mattarella.

L’AUTORE : Tamara Pastorelli

FONTE: CITTÀ NUOVA

E' online il nuovo sito web HDC!

nuovo sito web HDC 

Health Dialogue Culture

Vuole contribuire all'elaborazione di una antropologia medica che si ispira ai principi contenuti nella spiritualità dell'unità, che anima il Movimento dei Focolari e alle esperienze realizzate in vari Paesi in questo campo.

Documenti più scaricati

United World Project

Contatto

Associazione MdC
Segreteria Internazinale

Via Frascati, 306
00040 Rocca di Papa (RM)
Italy

tel.: +39-06-94798261

icon contact

> scrivici

Login

La relazione di cura nella pratica medica

Personalizzare l’assistenza richiede di considerare unico ogni paziente nella sua globalità

Auguri di Buone Feste

Rapporti più umani in sanità

Rispondere alle trasformazioni sociali che generano crescenti diseguaglianze è una vera priorità per chi si occupa di salute pubblica; ma quale contributo possono dare

International seminar for Health workers

NOV. 23-25 2018 - MAN (Côte d'Ivoire) Multi-ethnical societies and medical practices. Anthropological and ethnografhic perspectives of Westen and African medicine.

I pensieri vanno in vacanza con i libri

L'invito a leggere come un'opportunità per liberare la mente e rilassarsi. Pensieri inondano continuamente la nostra mente. Spesso arrivano autonomi e difficilmente vanno in vacanza.

Summer School Barcellona 2018

Se sei un giovane professionista o uno studente di materie biomediche, avrai senz'altro iniziato a confrontarti. 

È aperta l'iscrizione!

Building Communities:

Promoting Health. La pediatra indiana Kezevino Aram, direttrice dell’International Center for Child and Public Health, sarà la protagonista dell’incontro che si terrà venerdì 8 giugno

Summer School Barcellona 2018

"L'arte della cura oggi: professionisti sanitari in dialogo". Se sei uno studente di materie biomediche o un giovane professionista, avrai senz'altro iniziato a confrontarti con le tante domande che oggi, più che in passato, tutti noi che operiamo nel mondo della salute ci poniamo.

È aperta l'iscrizione!

Congresso CARUARU 2018

Brasil 23-25 Agosto 2018. Diálogo Interdisciplinar na Construção da Saúde Integral. Atualmente é consenso comum que a bioquímica e a genética não são suficientes para uma compreensão perspicaz da saúde e da doença, e que se deve considerar o contexto pessoal e sociocultural subjacentes a ambos.

Congresso CARUARU 2018

Brasil 23-25 Agosto 2018. Diálogo Interdisciplinar na Construção da Saúde Integral. Atualmente é consenso comum que a bioquímica e a genética não são suficientes para uma compreensão perspicaz da saúde e da doença,