Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.

Immaginiamo che il rischio di morire scendendo a piedi le scale dal piano +1 al piano 0 della casa dove abito sia pari a 1 su 50.000000; cioè, in base agli studi, scendendo a piedi 50 milioni di volte una scala come la mia in una occasione si è verificata una caduta mortale. In studi comparativi l’uso dell’ascensore per scendere tra i due piani (costo 24.000 euro) comporta un rischio di morte pari a 1/100.000.000, quindi il rischio di morire si riduce del 50% rispetto all’ uso delle scale. Infatti: Rischio Relativo, RR= 1/100.000.000 / 1/ 50.000.000 = 1/2=0.5=50% Rischio Relativo (RR, Relative Risk): esprime quante volte è più o meno probabile che si verifichi un evento in un gruppo a confronto con un altro gruppo (gruppo esposto al fattore ascensore rispetto a gruppo non esposto) ed è espresso dal rapporto tra incidenza di un evento in un gruppo e incidenza dello stesso evento in un altro gruppo:

La Riduzione del rischio relativo (RRR) indica la riduzione proporzionale di rischio tra i soggetti assegnati al gruppo esposto e quelli assegnati al gruppo non esposto È il complemento a 1 del rischio relativo (RRR=1-RR); in genere si esprime in percentuale e quindi esprime la riduzione percentuale del rischio del verificarsi di un evento nel gruppo dei non esposti rispetto al gruppo degli esposti. RRR= 1-0.50 =0.50 = 50%.
Chi non vorrebbe ridurre del 50% il suo rischio di morire per una caduta dalle scale ad un prezzo abbastanza sostenibile? O no?
Ma io non sono tanto interessato alla riduzione del mio rischio di morire tra utilizzo dell’ascensore e utilizzo delle scale ma, piuttosto, all’entità del rischio di morire facendo le scale e all’entità del rischio prendendo l’ascensore. Nel nostro esempio: Rischio Assoluto (AR) scendendo a piedi : 1/ 50.000.000 ; Rischio Assoluto (AR) con ascensore: 1/ 100.000.000;
Riduzione Assoluta del Rischio, ARR: 1/ 50.000.000 – 1/ 100.000.000 = 1/ 100.000.000
Quindi il mio rischio assoluto di morire a causa di una caduta per le scale è di 1 sola volta per 50 milioni di discese e scendere le scale 50 milioni di volte è impossibile (se anche scendessi le scale 1000 volte/giorno, cioè 41,6 volte/ora per tutte le 24 ore, occorrerebbero 136,98 anni per arrivare a 50 milioni): Allora concludo che il rischio di morire scendendo le scale è inesistente e quindi la riduzione, sia pur consistente, del rischio relativo non ha alcun interesse reale.
E’ il valore di AR e ARR che dà informazioni sulla grandezza di un effetto.

Lucio Patoia

Medicina Interna e Scienze Oncologiche, Azienda Ospedaliera di Perugia;
Ce.R.P.E.A. ( Centro Regionale per la Promozione dell’Efficacia e dell’Appropriatezza in sanità – Umbria), Perugia;

Health Dialogue Culture

Vuole contribuire all'elaborazione di una antropologia medica che si ispira ai principi contenuti nella spiritualità dell'unità, che anima il Movimento dei Focolari e alle esperienze realizzate in vari Paesi in questo campo.


 

Eventi 2020

Documenti più scaricati

United World Project

AMU

Genfest Manila 2018

Genfest Manila 2018

Cerca