Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.

lettera al personale assistenziale dell' Ospedale dove è stato ricoverato, nell'ultimo periodo della sua vita

Egregi Signori,
ho avuto occasione di essere ospite della Vostra struttura per una neoplasia polmonare in stato avanzato.
Da venticinque anni la mia professione (lavoro per una società che commercializza  prodotti per laboratorio di analisi) mi ha costantemente portato a contatto con la sanità italiana, sperimentandone giorno dopo giorno il lento e costante declino sotto molteplici aspetti.Inefficienza, degrado, opportunismo, qualunquismo, superficialità, arroganza, arrivismo sono solo alcuni degli aggettivi che mi sento di utilizzare per descrivere quanto ho vissuto in questi anni ogni qualvolta ho messo piede in un laboratorio pubblico o ho avuto a che fare con l’amministrazione ospedaliera.


La malattia che mi ha colpito in modo così subdolo ed improvviso a soli cinquantuno anni mi ha offerto la possibilità di sperimentare una  sanità diversa. Nel reparto in cui sono stato ricoverato ho trovato personale medico qualificato, sempre pronto e disposto a dare risposte in modo esauriente e garbato a pazienti e parenti di qualunque ceto ed estrazione culturale. Il personale infermieristico,  seppure palesemente  sotto-organico, si è prodigato a tutte le ore per alleviare i disagi della malattia sempre con cortesia e sorriso. Gli allievi infermieri / e con l’entusiasmo e la forza propria dei giovani hanno portato ogni giorno un vento di serenità  a tutti noi ammalati. I servizi offerti dal personale ausiliario hanno reso la degenza più simile ad un soggiorno alberghiero che ad un ricovero ospedaliero.
Ed infine un efficienza generale superlativa (sono stato sottoposto ad una RMN al cranio alle 18.30 !!!!!).
Tutto ciò mi rende felice e speranzoso non solo perché la sanità italiana può funzionare in modo diverso, ma soprattutto perché l’Italia tutta può essere migliore.
Di fronte allo sfacelo della vita pubblica di questi ultimi giorni, sapere che esistono  persone come tutti Voi dà una grande forza morale e spirituale a chi è come me è stato colpito dalla malattia.
Ma non solo !!!
Senza alcuna retorica, mi sento di affermare e sottoscrivere che Voi siete la parte migliore di questo Paese. Voi siete quell’Italia che tutti noi cittadini vorremmo e meriteremmo di avere, a dispetto della vuota retorica che tutti i giorni siamo costretti a sentire dai politici di turno. Non so se riuscirò a sconfiggere il male che mi ha colpito, ma sono certo che con Voi il nostro Paese, a cominciare dalla sanità, potrà essere migliore.
Grazie ancora di tutto per ciò che siete e che fate.
Con riconoscenza

un paziente


Health Dialogue Culture

Vuole contribuire all'elaborazione di una antropologia medica che si ispira ai principi contenuti nella spiritualità dell'unità, che anima il Movimento dei Focolari e alle esperienze realizzate in vari Paesi in questo campo.


 

Eventi 2020

Documenti più scaricati

United World Project

AMU

Genfest Manila 2018

Genfest Manila 2018

Cerca