Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.

EtiopiaQuando sono partita per l’Etiopia, sapevo di tornare in un luogo dove ero
già stata e questo mi sembrava un grande vantaggio perché pensavo che mi
sarei ambientata in fretta ed avrei ripreso in un certo senso dal punto in
cui avevo lasciato 4 anni fa.


In questi 4 anni tuttavia, le cose sono molto cambiate. L’ospedale si è
ingrandito ed ora ci sono molte più attività, ma questo me lo avevano detto!
Quello che mi ha spiazzato di più al mio arrivo però è stato trovare
un’equipe strutturata in modo completamente diverso.
Quattro anni fa eravamo 5 italiani, per lo più senza famiglia al seguito e
facevamo molta vita in comune.
Questa piccola comunità di cooperanti invece ora non esiste più.
Siamo solo 2 italiani e G. (il mio capo-progetto) è qui con la moglie e
due bimbe piccole per cui, naturalmente, passa il tempo non lavorativo quasi
esclusivamente con la sua famiglia.
Gli equilibri su cui si basava la mia precedente esperienza sono ora molto
cambiati ed all’inizio mi sono sentita molto sola…
Con il passare delle prime settimane, tuttavia, ho capito che dovevo essere
io a mettermi in gioco per costruire rapporti intorno a me anche con persone
con le quali ciò sarebbe stato meno immediato che con altri italiani.
Le mie vicine di casa, per esempio, sono due ex-infermiere canadesi che
insegnano all scuola infermieri dell’ ospedale… e poi c’è il personale
locale, ci sono le suore di varia nazionalità che collaborano con
l’ospedale…
Piano piano, ho capito che la comunità di questa seconda esperienza dovrà
essere multietnica: sarà certamente più difficile da consolidare ma già da
ora incomincio a vedere i frutti dello spendersi per coltivare i rapporti
con piccoli gesti quotidiani di buon vicinato a di attenzione reciproca,
come invitarsi per un the o cogliere l’occasione di un viaggio in capitale
per fare spese utili anche agli altri.

Health Dialogue Culture

Vuole contribuire all'elaborazione di una antropologia medica che si ispira ai principi contenuti nella spiritualità dell'unità, che anima il Movimento dei Focolari e alle esperienze realizzate in vari Paesi in questo campo.


 

Documenti più scaricati

United World Project

AMU

Genfest Manila 2018

Genfest Manila 2018

Cerca